Ultimo aggiornamento:  4 luglio 2016 9:14

Brexit, rammarico da Confindustria

Valter Caiumi, presidente di Confindustria Modena, è intervenuto così sull’esito del referendum con cui il Regno Unito ha scelto di uscire dall’Unione Europea: “Si tratta di una scelta che francamente non ci aspettavamo e che avrà conseguenze su più fronti. Dal punto di vista strettamente economico, però, ritengo che i rapporti commerciali della Gran Bretagna con il nostro Paese, con l’Emilia-Romagna e con Modena siano ben consolidati. Il referendum potrà influire, ma non più di tanto. E poi non dimentichiamo che ci vorranno due anni prima che venga completato tutto l’iter per l’exit. Il risultato ha invece un grande impatto a livello politico. Non vi è dubbio che l’uscita del Regno Unito indebolisce l’Europa nello scacchiere globale. Ed esiste un rischio dell’effetto “domino” verso altri Paesi. In questo momento sono in gioco i valori europei più importanti. Ma è anche un segnale molto forte per Bruxelles e per una politica che non si è resa conto dei problemi di tutti. Adesso l’impegno deve essere quello di ricompattare i Paesi su una nuova idea di Europa, più vicina alle esigenze dei cittadini e dei territori. Ma è anche l’occasione per trasformare un accadimento potenzialmente negativo in un’opportunità: reagire insieme e lavorare con una energia maggiore per un’Europa più unita”.