Ultimo aggiornamento:  7 novembre 2017 6:16

Category Archives: – I Ristoranti

Piatti “costruiti” con la selezione

Arredamento essenziale, tinte chiare, un po’ Provenza e un po’ Svezia, posizione centrale, cucina di facile comprensione, buoni prodotti, carta corta, servizio spigliato, è la formula dei nuovi ristoranti di città che vincono la crisi. Consentono innanzitutto ai clienti più giovani, ma non soltanto, di mangiare dignitosamente a prezzi sostenibili. E assicurano anche a chi

Successo in vista

Nel panorama regionale che certamente non brilla per aperture di nuovi locali per la ristorazione, Modena sembra essere contro tendenza. Negli ultimi mesi si è infatti assistito a diverse nuove aperture che oltre a riempire di gioia i “gastronomi erranti” come me hanno ampliato il panorama culinario per i cittadini modenesi. Una di queste è

La cucina è franca

Apochi passi dalla Ghirlandina vi è un locale che non si è fatto certamente influenzare dalle mode della ristorazione che si sono succedute negli ultimi anni – dalla trattoria dal “comfort food” al bistrot di qualità – e che però si prepara a tagliare il traguardo dei 35 anni della medesima gestione: è l’Osteria Santa Chiara

La specialità contadina al centro della tavola

Lo confesso ai miei due fedeli lettori: gli agriturismi non li amo particolarmente perché, rifacendo il verso a Camillo Langone, arguto scrittore, “generalmente dove arriva l’agriturismo se na va l’agricoltura e resta il turismo”, in ossequio alla plurisecolare, ma sempre attuale, legge economica della moneta cattiva che scaccia quella buona. Infatti il turismo – l’attività

Vegani alla graticola

Non oltrepassate quella porta, se militate nel partito dei vegetariani, vegani e compagnia più o meno ortodossa che sta relegando il sottoscritto e pochi altri laici ed eretici partigiani del cotechino e della trippa, ai margini della società del buono, pulito e sano. Non oltrepassate quella porta al numero 19 di Piazza Matteotti a Modena:

Gusto eclettico

Affacciato su Piazza Garibaldi, chiamata dai sassolesi Piazza Piccola (per distinguerla dalla più grande Piazza Martiri Partigiani), vero cuore della città, da oltre 500 anni sede del mercato cittadino, si trova questo locale – gestito dal vulcanico ed eclettico Angelo Calvello – modaiolo al punto di poter preoccupare e che cambia offerta nelle diverse fasce