Ultimo aggiornamento:  22 febbraio 2017 11:55

Emil Banca e Banco Emiliano, sì alla fusione

Via libera dai soci di Emil Banca e di Banco Cooperativo Emiliano al progetto di aggregazione delle due bcc. L’operazione, tra le più rilevanti mai realizzate nel mondo del credito cooperativo italiano, dà vita a una nuova bcc che manterrà il nome di Emil Banca e che dal prossimo 1° aprile opererà con 84 filiali: cinque a Modena, Ferrara e Parma, 27 a Reggio, 40 a Bologna, due nel Mantovano. Le assemblee dei soci sono state molto partecipate, dato che sottolinea la straordinarietà di questa operazione voluta per riportare solidità nei conti del Banco Cooperativo Emiliano e sostenuta anche dal fondo temporaneo del credito cooperativo. Sono stati oltre 3.500 i soci Emil Banca che, accorsi al palazzo dello Sport di Casalecchio per assistere all’ultima assemblea della vecchia Emil Banca, hanno votato praticamente all’unanimità (i voti contrari sono stati solo due) per l’integrazione con Reggio Emilia. Circa 2.800 soci del Banco Cooperativo Emiliano si sono, invece, ritrovati alle Fiere di Reggio Emilia, dove la la fusione è stata approvata con 17 voti contrari e 11 astenuti. «Incassiamo con soddisfazione l’ennesima fiducia dei nostri soci e ora ci mettiamo al lavoro per completare il percorso che, dal 1° aprile, vedrà la nascita ufficiale di una delle più importanti banche di credito cooperative d’Italia», dichiara il presidente di Emil Banca Giulio Magagni, designato a guidare anche la nuova bcc, che avrà 44 mila soci e 700 dipendenti, opererà su un territorio di competenza che si estende su oltre il 68% del territorio regionale, comprende 3 milioni di abitanti, oltre 300 mila imprese registrate e 1,3 milioni di occupati.