Ultimo aggiornamento:  30 agosto 2017 4:49

Gli imballaggi con sensori

Anche il settore degli imballaggi e della logistica industriale si adegua alla rivoluzione tecnologica del 4.0. 
Infetti Chimar, azienda di Limidi di Soliera, ha progettato e realizzato, in collaborazione con una start up del territorio modenese, Spylog (www.spylog.eu), un innovativo prodotto che una volta applicato all’imballaggio ne permette il monitoraggio durante il trasporto.
Spylog dialoga con gli smartphone presenti nelle vicinanze tramite il segnale bluetooth. È equipaggiato di sensori che permettono di misurare la temperatura, l’umidità e eventuali urti che il materiale potrebbe subire durante una spedizione.
Sono stati inoltre creati un portale web e una app che permettono di gestire tutte le informazioni relative al prodotto da spedire.
«Il software in realtà può essere utilizzato come un vero e proprio applicativo per la gestione completa della spedizione, è infatti possibile caricare immagini e documenti riguardanti la specifica spedizione e tutte le informazioni restano a disposizione del cliente finale», spiega l’amministratore delegato di Chimar Marco Arletti.
«Grazie a Spylog», conclude Arletti, «completiamo la nostra offerta con uno strumento innovativo che integra la catena logistica, partendo dal fine linea del nostro Cliente fino a destinazione attraverso i nostri servizi di gestione materiali, progettazione e produzione imballaggi e confezionamento».
Chimar. Il Gruppo si colloca fra i più importanti produttori europei di imballaggi industriali con forti competenze nella progettazione di imballi speciali e nella logistica aggregata. Nel 2016 ha fatturato 43 milioni di euro ed attualmente occupa oltre 500 persone.