Ultimo aggiornamento:  30 agosto 2017 4:40

Gru elettriche a impatto ambientale zero

L’azienda solierese è stata in grado di innovare il sollevamento di macchinari e materiali pesanti all’interno degli spazi industriali

Ci sono intuizioni felici che, attraverso il cambiamento di piccoli, ma significativi dettagli, sono destinate a rivoluzionare il proprio lavoro e quello degli altri. Creando al tempo stesso valore aggiunto, nei termini della qualità dell’offerta e della salvaguardia dell’ambiente. Così è stato per l’azienda Zavattini Gabriele & C. snc (anche Moden-Gru Service Srl). Operativa nel noleggio delle piattaforme aeree e nel servizio di autogru, nel settore specifico dei sollevamenti, l’azienda di Soliera, dopo 40 anni di attività, sceglie di investire in particolari gru elettriche in grado di lavorare all’interno degli stabilimenti artigianali e industriali a seconda delle mansioni cui è chiamata a svolgere, senza immissione alcuna di gas di scarico. Un processo noto nel centro-nord Europa, ma che in Italia sta prendendo piede solo da qualche anno. La novità, perché di questo si è trattato nel 2015 quando è stata intrapresa la nuova direzione aziendale, non ha mancato di ottenere riscontri positivi fin da subito. Generando ricadute oggettive per la ditta solierese sul territorio locale, extraprovinciale e del nord Italia tra realtà industriali di spicco, sia a livello nazionale che internazionale.

Un mix tra tradizione ed innovazione. È il 1975, quando Gabriele Zavattini apre un’attività di trasporto e sollevamento di merci pesanti, con un camion dotato di gru. Cinque anni dopo appena maggiorenne, il figlio Claudio inizia a lavorare con lui. Gli ambiti in cui operano principalmente sono quelli dell’edilizia e del manifatturiero: si va dal materiale edile, ai macchinari a tutto ciò che ha bisogno di essere spostato con una gru. La posizione strategica – a pochi km da Carpi e da Modena, come la vicinanza con Bologna e Reggio – e la puntualità nel lavoro, favoriscono un tipo di crescita che permette il consolidamento dell’azienda e l’assunzione di nuovo personale a partire degli anni 2000. L’attenzione verso mezzi sempre più moderni e dalle prestazioni elevate è sempre molto forte, dato l’obiettivo di offrire un servizio di assoluta qualità.

La svolta. Avviene nel 2015 quando, pur mantenendosi nello stesso settore, si opta per specializzare il servizio, puntando ed investendo su innovative gru alimentate interamente ad energia elettrica, già utilizzate all’estero da decenni: una novità per l’Italia. Il comparto verso cui si rivolge sempre di più l’azienda è quello del manifatturiero. “Abbiamo colto da un lato il divieto di lavorare nei luoghi chiusi con mezzi a motore, e dall’altro la necessità di parecchie aziende – spiega Claudio Zavattini – di avere mezzi al lavoro al loro interno, nel caso specifico degli spostamenti di materiale e macchinari pesanti, ad impatto ambientale pari a zero, senza alcuna immissione di gas di scarico, e senza dover fermare le linee di produzione. Questo, quello in cui ci siamo specializzati; questo, quello che siamo in grado di garantire oggi.” Una scelta tecnologica d’avanguardia al passo coi tempi e sottolinea Claudio, “Volta alla tutela dell’ambiente, fondamentale per noi.”

I clienti e il lavoro. Grandi e rinomate aziende, note a livello mondiale per i loro prodotti sono i clienti principali della Zavattini: in provincia di Modena, Reggio Emilia, fino alle regioni del nord del Paese. Ma anche le piccole e medie imprese non mancano. “Fondamentale confrontarsi con il cliente rispetto alle necessità che ha. Quindi un sopralluogo doveroso, al fine di studiare l’ambiente in cui si dovrà lavorare, per poi progettare un intervento mettendo a disposizione la gru elettrica più idonea, che sia in grado nel momento del sollevamento e dello spostamento di macchine e materiale, di impattare al minimo e non gravare sull’attività del cliente”, asserisce Claudio. La Zavattini dispone di una flotta di 10 gru elettriche di piccole, medie e grandi dimensioni, per ogni sorta di esigenza. Il servizio garantito è di alta qualità. Mentre il personale è altamente qualificato, soggetto a formazione costante e capace di operare in ogni situazione. “La formazione del personale è per noi di fondamentale importanza. I dipendenti tutti specializzati, affinano la loro esperienza negli anni, perfezionandosi e ‘tramandola’ ai giovani. Su cui puntiamo, ma che sono difficili da reperire…” sottolinea Claudio Zavattini, mentre ricorda che ad oggi il numero totale dei dipendenti è arrivato a 14 quando in principio erano solo padre e figlio

Il fatturato e le prospettive. Prima di arrivare a parlare dell’andamento aziendale sul mercato, occorre un passo indietro, fino ai recenti anni trascorsi contrassegnati per tante imprese dalle difficoltà economiche. “La crisi per noi ha rappresentato un’opportunità per puntare sull’innovazione. Guardando quanto avveniva già all’estero in questo settore abbiamo optato di investire su gru elettriche di ultima generazione. Unitamente al capitale umano – il nostro personale – si sono create in poco tempo le condizioni per un cambio di passo e quindi di crescita: con l’incremento della domanda, ed un’offerta da parte nostra in termini di servizio nel campo dei sollevamenti di materiali e macchinari, adeguata alle esigenze sempre più flessibili e di assoluta dei clienti. Questo ha permesso un aumento del fatturato nel 2016 del 15% rispetto al 2015. Mentre si profila un ulteriore consolidamento dei risultati per l’anno in corso dato l’avvio finora positivo”, chiosa Claudio Zavattini aggiungendo che l’azienda è ormai prossima all’ottenimento della certificazione Iso 9001.

Filippo Pederzini