Ultimo aggiornamento:  17 ottobre 2016 9:13

Il Cersaie 2016 straccia i record

Superamento quest’anno delle 106.000 presenze (quasi 5.000 in più rispetto all’edizione 2015; +4,7%) grazie sia alla componente italiana che estera – che per la prima volta nella storia di Cersaie, supera soglia 50.000. È questa la principale evidenza dell’edizione 2016 di Cersaie, il Salone Internazionale della Ceramica per l’Architettura e dell’Arredobagno, che si è tenuto dal 26 al 30 settembre a Bologna, in collaborazione con Bologna Fiere. Un evento di natura commerciale completato ed arricchito da iniziative a favore del mondo dell’architettura, dell’interior design, della posa e dei consumatori finali. Rappresentatività ed internazionalità sono i tratti salienti di Cersaie, che conferma accanto a piastrelle di ceramica ed arredo bagno, la qualificata ed ampia presenza di espositori di legno, marmi e pietre naturali destinati alle superfici. I numeri di Cersaie parlano da soli: i sei settori espositivi registrano, su una superficie di 156.000 mq., la partecipazione di 852 espositori, provenienti da 43 nazioni differenti (+4 rispetto al 2015); 335 aziende straniere, quasi un terzo del numero complessivo. Comparto più rappresentato sono le piastrelle di ceramica con 491 imprese (di cui 237 dall’estero), seguito dall’arredobagno, che annovera con 194 presenze, a conferma di come Cersaie sia – per il comparto dell’arredobagno – in Italia la fiera con una partecipazione di aziende da posizione di vertice in Europa.