Ultimo aggiornamento:  21 maggio 2017 6:11

Il Prosciutto di Modena Dop sbarca in Canada

Il prosciutto di Modena potrà finalmente entrare sul mercato canadese mentre sarà ancora possibile utilizzare il termine Parmesan per i formaggi locali. Sono questi in sintesi gli effetti sulle produzioni modenesi dell’approvazione da parte dell’Europarlamento del Ceta (Comprehensive Economic and Trade Agreementr) con il Canada sulle produzioni alimentari ad indicazione geografica Made in Italy. A darne notizia è Coldiretti Modena ricordando che l’accordo prevede che il Prosciutto di Modena e gli altri prosciutti DOP possano entrare nel mercato canadese con il loro nome ma dovranno coesistere con i marchi canadesi registrati. In altre parole sul mercato del paese nordamericano – precisa la Coldiretti modenese – ci saranno i prosciutti di Modena Made in Canada insieme a quelli italiani mentre fino ad ora i prosciutti italiani DOP potevano essere esportati solo con il nome di “Prosciutto originale”. I canadesi potranno continuare a utilizzare il termine Parmesan, e anche produrre e vendere altri formaggi come Gorgonzola, Asiago e Fontina, con l’indicazione obbligatoria dell’origine in etichetta “made in Canada” e senza possibili evocazioni ingannatrici (quali bandiere o immagini di posti notoriamente riconosciuti). Nel caso di eventuali nuovi prodotti canadesi di imitazione, questi dovranno essere accompagnati dalle espressioni “tipo; stile o imitazione” (esempio “stile squacquerone di Romagna). Non c’è dubbio che per le indicazioni geografiche – sostiene la Coldiretti modenese – sia di fatto mantenuta e ratificata una situazione di ambiguità che rende difficile ai consumatori distinguere il prodotto originale ottenuto nel rispetto di un preciso disciplinare di produzione dall’imitazione di bassa qualità. Ma è anche vero che l’accordo – precisa la Coldiretti – interviene su una situazione fortemente compromessa in cui almeno il 90% per cento dei formaggi di tipo italiano consumati in Canada sono in realtà di produzione locale, dal pecorino friulano al Romano cheese, dal Romanello al Crotonese, dalla Fontina alla scamorza fino al Parmesan.