Ultimo aggiornamento:  3 luglio 2017 11:32

Quante attività per i bambini in estate

Educativi e soprattutto divertenti. Sono questi i perni sui quali si regge il programma di attività dei campi gioco e centri estivi i quali, chiuse scuole e asili, diventano fedeli compagni di viaggio di bambini e ragazzi che vogliono godere della bella stagione restando in città. Ricchi di attività formative ed educative, ma anche di divertimento allo stato puro, i campi gioco sono diventati essenziali per tutte quelle famiglie che non possono fare affidamento su nonni o babysitter. Di fatto, sono sempre più numerosi enti e strutture che propongono campi estivi, laboratori o attività sportive capaci di tenere lontano dalla noia e allo stesso tempo offrire una ricca esperienza formativa a bambini e ragazzi.

Pensato per tutti i gusti e per tutte le tasche, il ventaglio di proposte dei centri estivi è davvero ampio. Bambini e ragazzi possono misurarsi con laboratori creativi dove realizzare oggetti con materiale di recupero, imparare a cucinare preparando merende rinfrescanti fatte con le loro mani e ancora possono imparare a vivere a contatto con la natura attraverso visite a fattorie didattiche, passeggiate, picnic all’aperto o più semplicemente organizzando una caccia la tesoro in un bel parco cittadino. E poi ci sono le attività sportive, come il calcio, il tennis il basket e la piscina, seguite da esperti educatori . Da non dimenticare i centri estivi in lingua che propongono lezioni divertenti e interattive in inglese con insegnanti madrelingua capaci di associare lo svago all’acquisizione senza stress della lingua straniera. Insomma, non c’è che l’imbarazzo della scelta per regalare al proprio figlio giornate ricche di piacere e condivisione.

 

Attività sportive

Lo sport migliora il benessere fisico e mentale e aiuta a confrontarsi con le proprie difficoltà. Ecco perché sono tanti i centri estivi che propongono attività sportive come tennis, calcio o nuoto, capaci di intrattenere bambini e ragazzi durante la calda stagione. Esistono anche strutture che propongono attività ludico-motorie come arrampicate, percorsi sensoriali e di agility, tiro con l’arco, ed escursioni in mountain bike. Una sorta di palestra a cielo aperto dove, salite e discese mettono a dura prova forza e resistenza in un’atmosfera spensierata e suggestiva. Lo sport mantiene in  forma, sviluppa il senso dell’equilibrio in più è anche divertente. Prudenza e attenzione, però sono obbligatori.

Le fattorie didattiche

“Gli occhi di un animale hanno il potere di comunicare in modo straordinario”, diceva il filosofo  austriaco Martin Buber. La natura e il rapporto uomo-animale agevolano i rapporti sociali dimostrandosi efficaci per la socializzazione e favorendo la capacità di aprirsi al mondo.  Le fattorie didattiche sono quindi una meta ideale per vivere una giornata all’insegna della genuinità e conoscere da vicino galline, caprette, pony, cavalli e maiali, imparare cosa mangiano, come vivono e cosa producono. In campagna o nei parchi, lontano dall’asfalto, dallo smog e dalla frenetica vita di tutti giorni, passare giorni all’aria aperta (meglio ancora con la compagnia di animali) è una vera boccata d’ossigeno, un must per prendersi una pausa e provare a vivere secondo i ritmi della natura in un’atmosfera rilassata.

Campus in lingua

Conoscere una lingua straniera oggi è fondamentale. E perché non iniziare da piccoli, quando tutto si impara facilmente? I centri estivi in lingua si potrebbero paragonare a una vacanza studio e sono rivolti alle famiglie che desiderano far apprendere ai propri figli, in modo facile e senza stress, la lingua inglese. Attività didattiche e ricreative la cui  lingua di comunicazione è quella straniera rappresentano un ambiente stimolante nel quale i bambini e ragazzi imparano presto e in tutta naturalezza a parlare una nuova lingua senza allontanarsi da casa.

Adriana Vicidomini