Ultimo aggiornamento:  30 maggio 2016 8:25

Sisma, le imprese soffrono ancora

“Ricostruzione avviata, bene l’impegno delle istituzioni. E nonostante il permanere delle difficoltà per le imprese, andiamo avanti”. A quattro anni dai tragici giorni che misero in ginocchio l’area Nord della provincia, il 20 e 29 maggio 2012, quando il terremoto devastò la bassa modenese, ReTE Imprese Modena, a cui aderiscono Confesercenti, Ascom Confcommercio Fam, Lapam Confartigianato e CNA guarda al futuro della zona e delle attività imprenditoriali. E lo fa, partendo dagli ultimi risultati ottenuti: ovvero l’impegno del Governo a trovare una soluzione legislativa al problema della restituzione dei finanziamenti ottenuti per i danni provocati dal sisma. Rete Imprese Modena, infatti, unitamente alla Regione ed alcuni parlamentari modenesi, ha incontrato nei giorni scorsi il Ministro per le Riforme costituzionali e i Rapporti col Parlamento Maria Elena Boschi. “Abbiamo avanzato al Governo una serie di proposte atte a prorogare la scadenza del rimborso dei mutui contratti dalle imprese dell’area del sisma per pagare imposte e contributi – spiega Massimo Silingardi presidente di Confesercenti Modena e attuale portavoce di ReTE Imprese, che aggiunge – In sostanza abbiamo chiesto lo spostamento del pagamento della prima rata al 31 dicembre 2016, la restituzione del finanziamento in cinque anni (a partire dall’1 gennaio 2017) ed anche il mantenimento di tutto il periodo di restituzione (cinque anni) della Garanzia dello Stato verso il sistema bancario”.