Ultimo aggiornamento:  27 giugno 2017 10:57

Air Top Italia: cambio della guardia e fatturato in aumento

Un’azienda sana, in attivo ed in constante crescita, ogni anno. Che passa di proprietà ed incrementa ulteriormente: lavoro, personale e fatturato, scegliendo di restare e continuare ad investire sul territorio dove è sorta quasi trent’anni fa.
Questa la storia di Air Top Italia di Soliera – realtà attiva nella produzione di filtri abitacolo nel settore automotive – passata nella seconda metà del 2015 dalla precedente proprietà – i fondatori – ad una holding company (HIND <http://www.hind.it/> ) insieme ad una cordata di imprenditori, riconducibili ai manager: Gaetano Riccio, l’Amministratore Delegato, e Marco Giroldi il Direttore Generale, due professionisti, da tempo sulla scena dell’aftermarket italiano.
Sorta nel 1990, come tante imprese famigliari, seguendo la via della ricerca e della qualità di prodotto, Air Top Italia, consolida le proprie posizioni sui mercati in poco tempo sia su quello italiano che all’estero. Appena 15 anni dopo, la produzione crescente si traduce in un nuovo stabilimento produttivo di oltre 15mila metri quadrati: un salto di qualità a cui se ne aggiunge un altro, nel 2009, con l’acquisizione del marchio Panclean che permette l’entrata nel settore del movimento terra ed agricolo.
Il cambio di proprietà avviene nel 2015. “Siamo subentrati portando innovazione e nuove spinte nell’ambito commerciale, del marketing, dell’organizzazione interna e manageriale – afferma Marco Giroldi – raggiungendo i nuovi obiettivi prefissati, ma continuando il percorso di crescita aziendale iniziato dalla precedente proprietà. Abbiamo scelto di restare sul territorio perché rappresenta un valore aggiunto e rafforzare così solido il legame preesistente. È stato assunto nuovo personale, mentre stiamo investendo sulla produzione, 100% Made in Italy che continua a fare la differenza nell’export, e in tecnologie innovative sulla scia dell’industria 4.0.“
Air Top Italia ha chiuso il 2016 – anno zero della nuova gestione – con un incremento di fatturato del 9% sull’anno precedente, rispettando gli obiettivi, mentre per il 2017 prevede di incrementare la quota di esportazione di prodotto fino al 40%.
(fp)