Ultimo aggiornamento:  24 ottobre 2018 4:42

Passione per il futuro

Dagli impianti civili ed industriali alle nuove frontiere dell’automotive, la crescita strutturata della società modenese che guarda al futuro puntando su giovani e formazione continua

 Negli uffici di via Malavolti della sede Termo-In si lavora, anche ad agosto. Tecnici e dirigenti stanno discutendo dei progetti in corso quando entriamo per incontrare Alan Manfredini e Lorenzo Accorsi. Insieme agli altri tre soci operativi, colonne portanti dell’azienda. Il tempo di definire gli ultimi dettagli di un cantiere in corso con alcuni collaboratori, e sono da noi. Ci accolgono in una sala riunioni, con un grande schermo TV, installato per fornire un supporto video nei corsi di formazione e aggiornamento, dedicati al personale interno, che Lorenzo, referente anche per la sicurezza, cura personalmente. Per lui, e non solo, la formazione è una parola capace di accendere l’emozione, di fare illuminare gli occhi. “Vorrem-mo formare sempre più giovani qualificati e motivati alle nuove sfide, soprattutto nel campo dell’automotive – afferma Lorenzo – e di ciò che, pur ancora di nicchia, rappresenta un settore in grande espansione: quello della realizzazione di celle per prova motori”.

Un settore che vede impegnata Termo-In, già da diversi anni, al servizio di aziende del territorio ma che di recente, nella cosiddetta Motorvalley che attraversa le province di Modena e Bologna, ha registrato un importante sviluppo. Cresciuto parallelamente al mercato dell’automotive ed alle richieste di grandi realtà e marchi industriali, da Ferrari a FCA, da Lamborghini e Maserati. A riprova dell’affidabilità, della professionalità e dell’esperienza raggiunta, dal 1972 ad oggi, dalla squadra Termo-In. Oggi la società, che mantiene nel settore degli impianti di riscaldamento, condizionamento, refrigerazione, oleodinamici ed idrotermosanitari il cuore della propria attività, è composta da 37 unità, divise tra i settori installazione e manutenzione, quest’ultimo in continua crescita tale da richiederne il potenziamento dell’organico.

Un staff motivato e con un riferimento preciso: quello della soddisfazione del cliente finale. Che si traduce in servizio, consulenza e vicinanza e condivisione degli obiettivi da raggiungere. “Ci capita spesso, anche nel settore delle celle per prova motori, di essere coinvolti per affiancare all’opera di montaggio e di collaudo degli impianti, anche la ricerca di soluzioni per specifiche esigenze del cliente in corso d’opera. È per esempio da situazioni come queste che recentemente, in Lamborghini, abbiamo ideato e realizzato dei carrelli per lo spostamento, all’interno dei reparti di produzione, delle celle mobili, ovvero quelle che non vengono installate su banchi di prova fissi ma vengono direttamente spostate dove si trova il motore da testare. Recentemente abbiamo realizzato una cella mobile per testare i motori con intercooler. Una soluzione che ci ha dato molte soddisfa-zioni”. In Termo-In ogni soluzione progettuale viene elaborata e curata fin nei minimi dettagli, al fine di fornire al cliente un prodotto a misura delle proprie esigenze produttive. A questo affianchiamo la fornitura di un’as-sistenza costante e puntuale che da sempre costituisce un punto di forza per noi ed un valore aggiunto per il cliente.

“Forse è anche per questo che dopo il 2010, forse per noi l’anno peggiore della crisi, la nostra crescita è stata costante e abbiamo raggiunto, anno per anno, gli obiettivi che ci eravamo preposti” – sottolinea Alan Manfredini – “ma oggi possiamo dire con soddisfazione che i clienti ci cercano, per la nostra professionalità per la nostra esperienza e, direi, anche per la nostra volontà di metterci sempre al loro servizio e al loro fianco. La lunga e profonda esperienza nel settore ci ha permesso di acquisire un ricco portafoglio clienti e di vantare oggi importanti referenze, sia in campo dell’impiantistica civile che industriale. Oggi, quest’ultima, continua a rappresentare il nostro volume più importante con una attività  concentrata soprattutto su grandi cantieri”. Elemento confermato dalle grandi tubature e dalla componentistica di impianti industriali che, uscendo dagli uffici, notiamo all’esterno e all’interno del moderno magazzino, presso la sede di via Malavolti a Modena, simbolo della crescita strutturata che Termo-In ha avuto negli ultimi dieci anni.

“Continuiamo a crescere e a guardare al futuro ma non abbiamo mai voluto fare il passo più lungo della gamba e, pur consapevoli delle opportunità offerte dai mercati esteri, abbiamo volutamente evitato di espanderci, anche solo con l’attività, oltre i confini. Se non per grandi clienti che hanno sedi all’estero. Vogliamo continuare ad operare qui, perché crediamo in questo territorio, e possibilmente investendo su giovani preparati e motivati. Sia nei settori tradizionali dell’attività sia al servizio delle aziende dell’automotive che offrono spazi di espansione e crescita, ma che richiedono un alto livello di specializzazione. Non bisogna mai abbassare alla guardia o adagiarsi sugli allori”.

Quali sono i vostri principali target e a quali settori rivolgete i vostri servizi?“Per quanto riguarda gli impianti termotecnici, idraulici di riscaldamento e condizionamento, soprattutto un target industriale. Abbiamo importanti lavori non solo in Emilia-Romagna ma anche in Lombardia e Sicilia, soprattutto in grandi capannoni industriali. Ci piacerebbe espandere la nostra attività all’interno nel settore biomedicale o in quello della trasformazione delle carni dove ad oggi ci pregiamo di avere già attivato una importante collaborazione con Villani”.

Tornando alla formazione e al personale, che profili cercate?“Giovani diplomati  termotecnici, con una grande motivazione alla crescita professionale ed umana. Crediamo molto nella formazione e vorremmo fare crescere sempre più il livello di specializzazione interna. In questo ambito però crediamo che lo sforzo delle aziende come la nostra andrebbe valorizzato e tutelato sul piano istituzionale e di sistema scolastico. Una realtà forte come quella modenese dovrebbe avere anche la forza di agevolare la creazione di reti altrettanto forti per la formazione, dove realtà come Termo-In non solo potrebbe attingere personale specializzato ma anche fornire a propria volta supporto alla formazione, mettendo a disposizione e, appunto, in rete, le proprie competenze, interne alla nostra struttura. Questo è un appello che vorremmo lanciare anche a chi ha responsabilità in questi ambiti”.

Termo-In è una azienda certificata. A quale livello? “La certificazione ISO 9002, – ci spiega Alan Manfredini – ci ha permesso in un primo tempo di migliorare sia la gestione dei cantieri che la soddisfazione del cliente; ma operare in un settore che è in continua evoluzione come il nostro significa anche desiderare di accrescere le proprie potenzialità, ed è a questo proposito che abbiamo deciso di ottenere un ulteriore riconoscimento, arrivato nel Novembre 2002 con la certificazione ISO 9001-2000.

Poi la legge quadro sugli appalti pubblici ha introdotto un nuovo sistema di qualificazione per tutti i soggetti che concorrono all’esecuzione dei lavori pubblici.  Questo sistema, gestito da società autorizzate, ci ha permesso al termine di un articolato procedimento di valutazione di ottenere l’attestazione SOA per le categorie OS3 (idrico-sanitario), OS28 (impianti di condizionamento) e OS30 (impianti elettrici) per le quali partecipiamo rispettivamente alla classifica IV, III e II. Diverse società fra le quali Ferrari e Maserati hanno creduto nella nostra azienda e nel corso degli anni si sono più volte affidate alla nostra operatività facendoci diventare una delle principali ditte partner grazie anche ai rapporti di collaborazione che si sono instaurati fra fornitore e cliente”.

Salutiamo Alan e Lorenzo e mentre usciamo ci soffermiamo con loro ad osservare il lavoro e l’organizzazione del magazzino, esteso per migliaia di metri quadri e che comunica direttamente con gli uffici. E all’esterno, oltre alle grandi condutture, i mezzi della flotta aziendale, con il marchio distintivo Termo-In che da anni è simbolo di serietà, professionalità ed affidabilità. Elementi fondanti di quell’Emilia operosa e pragmatica, fatta da imprenditori come Lorenzo, Alan, ed i soci Termo-IN, sempre capaci di innovare la tradizione di guardare al futuro con entusiasmo e rinnovato vigore.

Galeotti Gianni