Ultimo aggiornamento:  10 Maggio 2016 10:51

Category Archives: – Alimentare

FRANCESCO LEONARDI, Acetaia Leonardi – Magreta Formigine

“Abbiamo incontrato importatori conosciuti, mentre altri, con nostro piacere si sono fatti avanti – racconta Francesco Leonardi – Certo che il Vinitaly resta una fiera del vino. Volendo, anche in contraddizione con l’aceto; a maggior ragione se consideriamo la posizione che occupavamo all’interno del padiglione dell’Emilia Romagna di fronte alla postazione del consorzio del Lambrusco.

GLAUCO MALAGOLI, Villa di Corlo – Baggiovara di Modena

“Resta un problema fondamentale: far passare il messaggio che sul territorio modenese si produce un vino, il lambrusco, di assoluta qualità”. Bastano poche parole a Glauco Malagoli per inquadrare una questione che torna puntualmente ad emergere: ovvero quella di prodotti, indipendentemente che si tratti di Grasparossa o Sorbara, di qualità medio alta se non alta,

Inalca acquisisce Unipeg

Inalca S.p.a., società del Gruppo Cremonini leader europeo nella produzione di carni bovine, partecipata dal Fondo Strategico Italiano, ha acquisito due distinti rami d’azienda comprensivi delle attività del gruppo Unipeg, il secondo operatore italiano nel settore. L’acquisizione decorre dal 1° maggio 2016 e riguarda il ramo d’azienda di Unipeg Soc. Coop. Agr., con le due

50esimo Vinitaly: pronti via e lambrusco già sugli scudi

È stato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella a tagliare il nastro per le 50 candeline del Vinitaly. Con lui anche il Ministro per le Politiche agricole Maurizio Martina ed un numero d’autorità più che significativo, per quella che è una (se non addirittura la prima) delle kermesse più importanti del Paese. Come sempre le

La Toschi di Vignola punta sempre di più sull’export

Mentre si annuncia che verranno create due nuove joint venture in australia e in sudafrica, il rapporto con Alitalia è ormai consolidato. Lo sciroppo alla fragola dell’impresa di Vignola fa ormai parte della linea della compagnia aerea italiana per i viaggiatori della business class. La Toschi fattura circa 30 milioni: punto di arrivo odierno di

Coldiretti sull’etichettatura

“Basta indugi. Anche in Italia è necessario introdurre l’obbligo di indicare in etichetta l’origine degli alimenti come ha chiesto il 96,5 per cento degli italiani sulla base della consultazione pubblica on line sull’etichettatura dei prodotti agroalimentari condotta dal Ministero delle Politiche Agricole”. È il commento del Presidente di Coldiretti Modena, Francesco Vincenzi, alla notizie dell’autorizzazione