Ultimo aggiornamento:  28 dicembre 2017 10:40

L’informatica al servizio di grandi aziende e PMI

Progettazione di soluzioni informatiche, integrazione di sistemi, sicurezza dei dati e application maintenance sono i principali punti di forza del gruppo modenese, che conta sessanta addetti e tre sedi

Side Soft, azienda di Carpi specializzata in servizi di consulenza informatica, punta a rafforzare la sua presenza nel mercato, mettendo il suo vasto know-how acquisito nelle collaborazioni con grandi aziende del settore business, credito e finanza, al servizio delle imprese che vogliono crescere e che hanno la lungimiranza di trasformare i problemi in opportunità.

Per coglierne la mission, che va ben oltre la semplice fornitura di servizi e consulenze in campo informatico, è sufficiente una visita alla sede operativa di Side Soft, a Reggio Emilia. I concetti espressi dal Presidente Davide Costa e del Vicepresidente Roberto Pasqualini, che ci accolgono nei loro uffici, evidenziano una capacità primaria: l’ascolto.

“Alla base delle scelte programmatiche e operative di Side Soft c’è da sempre lo studio delle esigenze del cliente, che spesso necessitano di soluzioni specifiche in virtù dell’evoluzione degli scenari di riferimento – ci riferisce il Vicepresidente Roberto Pasqualini -. Crediamo che, in un ambito così strategico e complesso come quello informatico, sia necessario, da un lato, essere in grado di offrire un’ampia gamma di servizi e di prodotti e, dall’altro, poter soddisfare le esigenze di un settore in rapidissima evoluzione, essendo al tempo stesso irreprensibili dal punto di vista della qualità e dell’affidabilità. I dati di mercato dimostrano che ogni investimento in ambito informatico, se affidato a operatori certificati, viene ampiamente ripagato sia in termini di contenimento dei costi, che di ottimizzazione delle risorse”.

Può farci qualche esempio pratico?
“Capita spesso che le aziende, in particolare le piccole e medie imprese, facciano riferimento a diversi fornitori per la gestione di singole attività che richiedono applicativi informatici – spiega Pasqualini -. Si tratta di aziende che, in molti casi, non hanno una figura professionale interna in grado di seguire e coordinare i fornitori, frequentemente con competenze non omogenee tra loro e selezionati nella convinzione di ottenere condizioni di risparmio. In realtà, la parcellizzazione delle funzioni espone le aziende a gravi rischi, sia in termini di qualità del servizio finale, che di continuità dello stesso: ho visto spesso imprese in grave difficoltà perché il fornitore di un software essenziale si era dileguato da un giorno all’ altro, oppure era irreperibile nel momento del bisogno”.

E in un’ottica di razionalizzazione dei costi e di ottimizzazione dei risultati, la soluzione per una PMI quale potrebbe essere?
“La gestione in outsourcing, quando affidata a realtà aziendali strutturate, solide e affidabili, può rappresentare una grande opportunità per le imprese che non hanno i budget per sostenere un reparto informatico interno – spiega Costa -. Da questo punto di vista, la capacità di gestione e di integrazione dei sistemi rappresenta un valore aggiunto di Side Soft. Grazie alle esperienze maturate in questi anni nella fornitura di servizi di Application Maintenance, siamo in grado di fornire, con elevati standard qualitativi, un servizio di gestione globale del sistema informatico presente in un azienda. Si aggiunga a questo anche la possibilità di supportare le aziende nei processi di ripensamento del ciclo produttivo, richiamati nel piano nazionale ‘Industria 4.0’, grazie a servizi di consulenza e di project management. L’informatica di nuova generazione non è più soltanto programmazione, ma anche tanto servizio”.

Presidente Costa, arriviamo così al tema caldo e complesso della sicurezza: sempre più, in campo informatico, la sicurezza dei dati e la loro gestione rappresentano parametri fondamentali per determinare la qualità dei servizi offerti dalle aziende, oltre a essere un obbligo di legge. Come opera Side Soft in questo ambito?
“L’esperienza che abbiamo maturato nello sviluppo e nella gestione di sistemi informatici presso istituti di credito e società finanziarie, grandi aziende biomedicali e pubbliche amministrazioni, ci consente oggi di fornire know-how e servizi avanzati anche sul fronte della tutela dei dati. È un errore strategico pensare che la sicurezza riguardi solo i grandi, anzi. L’affidabilità dei sistemi informatici è oggi un elemento imprescindibile per le aziende di ogni dimensione, che rischiano di esporsi a criticità di natura non solo economica ma anche legale. In tema di cyber security, ad esempio, Side Soft è stata di recente ammessa, con livello Silver, all’ISTQB® Partner Program, protocollo internazionale creato da ISTQB® (International Software Testing Qualifications Board), organizzazione internazionale che fissa gli standard in termini di testing e di qualità del software. Si tratta di un ulteriore avanzamento nella certificazione delle competenze strategiche che Side Soft può vantare nell’ambito del Software Testing. Sullo sfondo, l’esigenza di tutelare i nostri clienti, grandi e piccoli, contro il rischio di vulnerabilità del software, fenomeno sempre più frequente a livello globale e che provoca danni operativi ed economici di ingente portata. La capacità di leggere i trend del settore e di anticipare le richieste del mercato è d’altra parte una caratteristica identificativa del management Side Soft, che abitualmente assegna importanti risorse alla ricerca, alla formazione e all’aggiornamento”.

Ci sono delle scadenze o degli adempimenti che le aziende dovranno rispettare in questo ambito?
“Nei primi mesi del 2018 – spiega Pasqualini – in tutti i paesi dell’Unione Europea entrerà in vigore il Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (GDPR), in sostituzione della direttiva EU 95/46/EC, testo che obbliga le imprese di qualsiasi dimensione ad adottare un nuovo sistema di processi finalizzati a garantire agli utenti un maggiore controllo dei dati personali, infliggendo pesanti sanzioni amministrative in caso di trasgressione. Un passaggio per certi versi rivoluzionario, che comporterà la riscrittura di processi consolidati, l’aggiornamento delle risorse umane e, soprattutto, l’adeguamento di sistemi informatici comunemente in uso. A tal proposito abbiamo di recente portato a termine una significativa esperienza presso un importante gruppo bancario, sviluppando il processo necessario a criptare i dati sensibili dei clienti. Nell’occasione abbiamo collaborato con un player internazionale del settore informatico, che ha apprezzato la nostra competenza, affidabilità e flessibilità al punto da gettare le basi per una collaborazione molto più ampia”.

Qual è il segreto per distinguersi in un mondo così dinamico e concorrenziale?
“Credo che la formazione avanzata – conclude Costa -, la capacità di ascolto, lo sviluppo di risposte personalizzate e la qualità del prodotto finale rappresentino i punti di forza del gruppo di professionisti che lavorano con noi e per noi: persone, prima ancora che specialisti, capaci di mettere al servizio del cliente talento, entusiasmo e passione”.